KARL STENGEL
DI-SEGNI

dal 23 giugno al 31 luglio 2018
inaugurazione sabato 23 giugno, ore 17:30

“(…) Io sono dell’opinione che non contino il tipo di formazione che un artista ha ricevuto, né il numero delle sue mostre, ma solo la sua creazione, il suo lavoro. Il mio consiste in uno sforzo continuo e onesto di conferire forma ed espressione nella maniera migliore e persuasiva, a ciò che vuole e deve assumere forma, a ciò che la vita mostra a me e a tutti noi e può giungere a un’espressione più intensa attraverso un’immagine, un’immagine che può essere un dipinto, una scultura, disegno, collage o altro (…)”

-Karl Stengel-

Questi disegni sono un diario di immagini – di estratti di quotidianità – che l’autore ha fissato e mette a disposizione dell’osservatore e se ne appropri e li abiti. Il segno è scultoreo ma non imbriglia il furore espressivo che, nella bella intuizione di Ed Mc Conmack, “ha una freschezza quasi da Art Brut”.

-Ivan Teobaldelli-

Davanti  ai disegni di Karl Stengel si capisce anche come la tradizionale limitatezza espressiva di questa tecnica non sia affatto un limite, ma come anzi essa sia propriamente un veicolo di immediatezza e pienezza allo stesso modoin cui sanno esserlo solo alcune forme della danza contemporanea o del jazz. Come in queste discipline anche nei disegni di Stengel appare subito evidente come l’antinomia astratto/figurativo abbia in realtà bene poco senso.

-Prof. Alessandro Tempi-

Gallery

CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd
CATALOGO - Copia.indd